Recensione di Singstar Celebration -

Con il Natale ormai alle porte...


06 dicembre 2017 - 15:57 - Scritta da: Giulia Esposito

Stanno uscendo, uno dopo l'altro, i grandi titoli che riescono brillantemente a rendere le feste ancora più divertenti in compagnia di amici e familiari. Le grandi feste natalizie sono alle porte e, dopo l'arrivo di Just Dance, non poteva mancare certamente la forza di SingStar. Ecco che quindi Sony ha rilasciato il titolo in una veste in gran parte rinnovata rispetto al passato, superando varie barriere come quella dei vecchi microfoni USB (comunque ancora supportati anche su PlayStation 4). Adesso SingStar si è unito a tutti gli effetti ai titoli PlayLink, ossia giocabili attraverso smartphone o tablet quando si è connessi alla console tramite wifi. I titoli PlayLink hanno, inutile negarlo, un fascino unico, ed una giocabilità davvero fuori dalla norma. Il fatto di non aver bisogno di tantissimi joypad, o di elementi aggiuntivi come appunto i microfoni usb, è un vantaggio non indifferente, che semplifica anche il potersi ritrovare per giocare assieme. Del resto, ormai, tutti hanno a disposizione almeno uno smartphone o un tablet, che sia android o iOs. Le novità a questo titolo Sony non mancano di certo, nonostante grandi aspetti siano volutamente rimasti legati al passato, in maniera tale da dare quella sensazione di "continuum" che apprezzeranno i fan storici della serie.

Un possibile addio ai vecchi strumenti grazie a PlayLink

La novità maggiore non sta nel repertorio delle canzoni, così come neanche nella struttura (anzi, in alcuni frangenti anche un po' impoverita), quanto piuttosto all'addio che è possibile dare ad elementi del passato come i microfoni usb. Finalmente è possibile sfruttare un qualcosa di più facile da reperire per giocare con gli amici, anche in via del tutto casuale,Singstar Celebration - Con il Natale ormai alle porte... ossia smartphone e tablet. Basta scaricare sui propri telefoni una companion app piuttosto leggera, totalmente gratuita, che permette di collegarsi alla console ed ancor più di sfruttare il dispositivo come un vero e proprio microfono. Pensandoci è una evoluzione abbastanza ovvia, ma che comunque da una svolta assolutamente epocale a questo titolo.

Cantare utilizzando il microfono dello smartphone risulta essere particolarmente divertente, dato che reagisce al meglio alla voce, registrando brillantemente la variazione di voce. Per giocare ho utilizzato un iPhone SE, quindi neanche all'ultimo grido (che ci volete fare, sono antica), e nonostante questo è riuscito a colpirmi per la brillantezza con cui si presta al titolo. Quindi non fatevi spaventare da dispositivi un po' anzianotti, basta avere una connessione wifi e andranno davvero più che bene. L'unica cosa negativa, ma che non è collegata al microfono dell'iPhone SE e più in generale ad un problema di smartphone, è il fatto che il nostro audio sembra quasi perdersi una volta arrivato al gioco, risultando basso ed a volte quasi incomprensibile.

Tante canzoni per un divertimento da "urlo"

Quando si gioca a SingStar o ad altri titoli, come possono essere appunto Just Dance, grande attenzione viene riposta appunto sulle canzoni che sono contenute all'interno. Il tentativo di Sony è stato quello di cercare di non scontentare nessun gusto, immettendo all'interno canzoni di assoluto valore, come ad esempio Wake Me Up di Avicii o Wonderwall degli Oasis. Le canzoni contenute possono inoltre rispondere alle più svariate esigenze, dal momento che ve ne sono molte da poter cantare spensieratamente tutti assieme, od altre che richiedono un tono di voce più contenuto per non snaturare completamente la canzone. Un esempio di quanto appena detto, e contenuto all'interno di SingStar, è sicuramente Hello di Adele. Più o meno le canzoni incluse nel gioco base sono una trentina, ma molti successi (e anche alcuni meno conosciuti) possono essere acquistati mediante lo store. Al prezzo di 1.39€ l'uno si possono acquistare un bel po' di brani, oppure si possono acquistare gruppi di cinque canzoni spendendo leggermente meno.

Divertimento per tutti

Lo spirito di SingStar rimane inalterato rispetto al passato, cercando di offrire soltanto un bel po' di sano divertimento, sacrificando piuttosto la difficoltà che alcune canzoni potrebbero generare. Che si sia dei pessimi cantanti, che si abbia una voce davvero poco intrigante, poco importa. Il microfono, e quindi ovviamente il gioco, tende a premiare praticamente qualsiasi cosa, offrendosi così al meglio per le feste o per eventi in cui deve dominare il divertimento. L'importante è cantare in compagnia, divertirsi, senza prestare particolare attenzione ad essere bravi ad azzeccare le note. Certo, se si indovina l'intonazione e si rimane al passo con la canzone di turno, si ha la possibilità di guadagnare più punti. Al termine di ogni canzone è inoltre stilata una breve classifica che ci permette di capire quanto siamo stati bravi rispetto ai nostri amici e di chi è il record in questione, da cercare di battere ad ogni costo.

Particolarmente divertente è anche la possibilità di accedere, come se si fosse su Youtube (ma ovviamente di Youtube non si tratta), ai video che le altre persone caricano sulle proprie prestazioni canore. È possibile così non solo ascoltare i brani cantati dagli altri giocatori di SingStar, ma anche vederli in azione in veri ed autentici videoclip. Ovviamente, ci tengo a precisarlo, non è obbligatorio caricare i propri video su internet, ma solo se si è davvero interessati. Per cui non preoccupatevi, le "figuracce" rimarranno solo tra voi e la vostra console. O anche tra i vostri amici, se giocate in compagnia.

Commento Redattore

SingStar abbraccia la filosofia PlayLink e lo fa nel migliore dei modi, permettendo di soppiantare elementi del passato come ad esempio i microfoni usb. Quest'ultimi rimangono comunque supportati anche nella console PlayStation 4, anche se mostreranno chiaramente i loro limiti se messi a paragone con gli smartphone ed i tablet. Non occorre avere telefoni avanzati, tutt'altro, a me è bastato avere un iPhone SE per avere una qualità davvero alta sia per quanto riguarda il microfono, sia per quanto riguarda la companion app. La Compaion App si mostra davvero intelligente nella struttura apparendo semplice, esattamente come si confà ad una applicazione che deve rivolgersi non solo a grandi e piccini, ma anche a gruppi di persone che si riuniscono tutte assieme per giocare.

La qualità del catalogo delle canzoni messo a disposizione da Sony è di primissimo livello, così come lo è lo store a cui si può accedere. I prezzi per ogni singolo brano non sono eccessivi, permettendo così di avere un catalogo sempre aggiornato che permette di non annoiare.

  • Il sistema PlayLink rivoluziona il titolo

  • Una trentina di canzoni di alto livello

  • Store molto ampio e non esagerato nei prezzi


  • Poche modalità

  • Davvero pochi miglioramenti

6.8

Segnala errore