Sekiro: Shadows Die Twice Recensione

Scritto da Alessandro Caluri il 3 aprile 2019 14:20

Sekiro: Shadows Die Twice

From Software si è superata. L'incredibile estro creativo di Hidetaka Miyazaki ha dato vita all'ennesimo mostro sacro, capace di scardinare quella che si pensava la difficoltà più alta raggiungibile da un videogioco. Se i vari Demon's Souls erano brutali, Sekiro è addirittura spietato. La difficoltà di gioco è incredibile, tanto da renderlo un gioco non adatto a chiunque, ma soltanto a tutti coloro che hanno tanta pazienza e la capacità di non abbattersi davanti alle prime problematiche. Quel che il gioco offre è una vera e propria sfida contro sé stessi, contro le proprie capacità, che richiedono di essere affinate e migliorate continuamente, pena il game over. Morire è davvero semplicissimo, non solo contro i fortissimi boss che popolano ed arricchiscono il titolo, ma anche contro gli stessi nemici più semplici, capaci di sfruttare al pieno ogni nostra possibile incertezza. La Protesi Shinobi è un elemento interessante, capace di risvegliare un senso di strategia altrimenti sopito e soffocato dall'incessante ed estremamente curato combat system. Rispetto alle schivate, per quanto riguarda i combattimenti, è la rivincita delle parate; parare è fondamentale, ancora di più che schivare o balzare via, questo poiché permette di attivare la deviazione ed il conseguente colpo di grazia. A fronte di uno stealth non così perfetto e di movimenti abbastanza approssimativi di Lupo, muoversi sulla mappa rimane comunque una vera e propria gioia per gli occhi. Graficamente il titolo è infatti eccellente, con molti alti e pochi bassi. Una vera perla sono i filmati che ci permettono di poter vedere la cultura nipponica espressa a livelli epici. Con Sekiro ci troviamo quindi di fronte ad un gioco dalla doppia faccia: bello e dannato. Chiunque abbia apprezzato i vari Demon's Souls troverà in Sekiro una sfida appagante e, se possibile, ancora più ardua. Chi invece non ha apprezzato l'alto livello di sfida, a tratti più che frustrante, non avrà modo neanche di rivalutare questo souls like in salsa nipponica.

9.0
Positive:
  • Combat System estremamente curato
  • Nuovo sistema di parate e di guardia
  • Ambientazione resa alla perfezione
  • Ampia scelta nella Protesi Shinobi
  • Grado di sfida terrificante
Negative:
  • Fase stealth poco più che abbozzata
  • Movimenti a tratti goffi ed imprecisi

Accedi o Registrati per inviare un commento