Recensione di Rome: Total War -

Vecchie glorie, nuove esperienze


16 novembre 2016 - 13:37 - Scritta da: Stefano Fontanini

Romani! Pronti a tornare a combattere per la gloria di Roma? Quasi tutti gli amanti del genere strategico ricordano con affetto Rome: Total War il gioco di The Creative Assembly (assieme a Feral Interactive ed Activision) che uscì nell'ottobre del 2004 su PC e Mac. Ora, a distanza di ben 12 anni dalla sua comparsa sul mercato videoludico, Rome ritorna a far parlare di se con un'edizione rimasterizzata del gioco originale ma questa volta per iPad. Sì, avete letto bene. Rome: Total War, con tutta la sua esperienza di gioco arriva sui nostri dispositivi mobile con una grafica migliorata ed una completamente nuova interfaccia touch che saprà mettere d'accordo sia i vecchi fan della serie che i neofiti di questo titolo.

Per chi non conoscesse Rome: Total War è bene precisare che si tratta di uno dei titoli principali facenti parte della serie Total War, una collana di giochi single player basati su una commistione di strategia a turni e tattica in tempo reale. Questo capitolo trova la sua ambientazione (come si evince dal titolo) in epoca Romana e luogo nel bacino del Mediterraneo e nelle terre attorno ad esso. Se cercaste un titolo più recente facente parte di questa collana potete andare a leggere la recensione di Total War: Warhammer scritta da Alessandro Caluri.

La sezione di strategia a turni

Nelle sezioni di strategia a turni ci troveremo davanti ad una mappa tridimensionale del bacino del mediterraneo e delle terre ad esso circostanti sulla qualeRome: Total War - Vecchie glorie, nuove esperienzeRome: Total War - Vecchie glorie, nuove esperienze potremo osservare le varie città in nostro possesso così come quelle di alleati ed avversari (a patto che si conosca la loro posizione, altrimenti saranno nascoste dalla classica nebbia di guerra).

Sempre rappresentati in 3D (sotto forma di un generale) avremo anche i nostri eserciti, che potremo spostare (ovviamente in uno spazio limitato per ciascun turno) per muovere guerra al nemico o per difendere i nostri possedimenti.

La mappa stessa è dinamica e mostra sia l'alternarsi delle stagioni sia il presentarsi di eventi naturali (terremoti, eruzioni e simili) che possono andare ad incidere negativamente su date zone della mappa. I nostri insediamenti non sono delle entità passive atte solo a darci potere e denaro, ma necessitano di essere continuamente seguiti e migliorati tramite la costruzione di edifici, la regolazione delle tasse e della guarnigione di guardia per mantenere l'ordine pubblico, la prosperità e la sicurezza dell'insediamento. è però possibile assegnare all'IA la gestione delle tasse e/o della costruzione degli edifici.

Sono inoltre presenti (una volta arruolati) anche Diplomatici (molto importanti in quanto ci serviranno per gestire le relazioni con le altre fazioni), Spie ed Assassini. Muovendo questi agenti sulla mappa potremo svolgere numerose tipologie di azioni che spaziano fra trattati, omicidi, sommosse, sabotaggi e lo spiare gli eserciti nemici. Agenti particolari sono invece i membri della famiglia i quali saranno disponibili come comandanti dei nostri eserciti e possiederanno delle caratteristiche particolari che li renderanno adatti a gestire differenti situazioni in gioco.

La sezioni di strategia in tempo reale

Per quanto riguarda invece le battaglie il genere di gioco cambia e diviene uno strategico in tempo reale in quanto il giocatore stesso comanderàRome: Total War - Vecchie glorie, nuove esperienze le proprie truppe sul campo di battaglia. Questo non vale però per le battaglie in mare in quanto sarà l'IA in quel caso a gestire la battaglia in modo completamente autonomo. Ogni esercito si compone di un massimo di 20 unità, che significa un massimo di 2400 uomini per ciascuna armata. Inoltre, qualora fossero disponibili dei rinforzi sarà possibile avere anche ulteriori armate su schermo comandate però dalla IA.

Sarà possibile muovere le truppe sul campo di battaglia a nostro piacimento ed adottando la strategia che più ci aggrada. I campi di battaglia sono vari e rispecchiano sia la zona dove avviene la battaglia che la stagione corrente. Molto ben rappresentati sono anche gli edifici speciali come il Colosseo o zone particolari come ad esempio il fiume Nilo. Il motore grafico che muove le battaglie non è fra i più nuovi, ma è tutt'ora in grado di offrire un'ottima esperienza di gioco con ombre delle singole unità, effetti luce semplici e clima dinamico.

Ovviamente sarà possibile anche non combattere in prima persona le battaglie ma utilizzare invece lo strumento "risoluzione automatica" che darà una simulazione statistica dell'esito della battaglia prendendo in esame fattori come il tipo truppe, il numero di truppe schierate, forze e debolezze delle varie unità e l'esperienza in battaglia del generale alleato e di quello nemico.

Le fazioni in gioco

Le fazioni che si faranno la guerra nel mondo di Rome: Total War sono ben 21 ma non tutte saranno disponibili per l'utilizzo fin da subito. Infatti inizialmente saranno disponibili solo tre fazioni appartenenti sostanzialmente a Roma:

  • Famiglia Giulia
  • Famiglia Valeria
  • Famiglia Cornelia

Con una di queste fazioni dovremo completare la "Campagna Imperiale" o la "Campagna Breve" per poter sbloccare ulteriori fazioni.

Le fazioni sbloccabili sono:

  • Cartagine
  • Gallia
  • Britannia
  • Germania
  • Egitto
  • Impero Seleucide
  • Partia
  • Grecia

Rimarranno invece non giocabili:

  • Senato
  • Ribelli
  • Numidia
  • Armenia
  • Scizia
  • Dacia
  • Tracia
  • Macedonia
  • Ponto
  • Iberia

Le modalità di gioco

Le due modalità "Campagna Imperiale" e "Campagna Breve" sono due modalità di gioco che dovremo affrontare inizialmente a capo di una delle tre famiglie romane.

In Campagna Imperiale avremo come obbiettivo la conquista di 50 provincie fra cui Roma. La Campagna Breve invece ci chiederà di conquistare 15 provincie e di eliminare un determinato popolo a seconda della famiglia che andremo a scegliere. Giocando invece con altre fazioni gli obbiettivi di vittoria cambieranno in base al popolo scelto. In ogni caso, a seconda della fazione che andremo a scegliere (romana o no) partiremo con un dato numero di province ed eserciti già in nostro possesso con i quali dovremo cercare man mano di aumentare il nostro potere.

Dal menù principale del gioco inoltre è possibile accedere ad altre tre modalità:

  • Battaglia Rapida: una battaglia casuale generata randomicamente.
  • Battaglie Storiche: battaglie realmente avvenute come quella di Carre o di Teutoburgo.
  • Battaglie Personalizzate: battaglie completamente configurabili.

Come si comporta su iPad

Devo ammettere che nonostante l'hype per una release di Total War su iPad fosse elevata, nutrivo alcuni dubbi sulla bontà effettiva del porting e l'interfaccia touch.

Devo invece ricredermi completamente in quanto il porting mantiene un'elevata fedeltà a quello che è il gioco originale per PC ma offre un'interfaccia ridisegnata e a risoluzione maggiore al fine di adattarsi alla risoluzione offerta dal tablet Apple. Ottime le textures ed i modelli delle truppe in gioco che mantengono un buon livello di realizzazione nonostante il gioco giri su un dispositivo mobile. Il gioco è anche molto fluido e fatta eccezione per alcuni minuscoli impuntamenti qua e la offre un'esperienza di gioco appagante e ben realizzata. Sorprendentemente ben realizzato è anche tutto il set di gestures e di comandi messo in piedi per poter gestire le battaglie in tempo reale pur non avendo mouse e tastiera come nel capitolo originale.

Gestire e spostare le truppe sul campo di battaglia diviene molto facile ed immediato non appena si avrà acquisito sufficiente familiarità con i comandi. Ammetto però che nelle fasi più concitate e caotiche della battaglia sia necessario mettere in pausa l'azione per impartire tutti gli ordini correttamente, ma questo in genere accadeva anche nella controparte PC seppur con minore frequenza. Ottimamente riportata in gioco anche la stupenda colonna sonora che accompagna sia le parti strategiche che quelle di combattimento.

Immancabili le due musiche vocali Divinitus (scritta in latino) e Forever.

Requisiti

Per giocare sono richiesti circa 4GB di spazio libero e una versione di iOS pari o superiore alla 9.3.5.

Sono supportati: iPad Pro 12,9", iPad Pro 9.7", iPad Air 2, iPad Air 1, iPad Mini 4, iPad Mini 3, iPad Mini 2.

La prova di questo titolo è stata effettuata su di un iPad Pro 9.7 da 128GB con iOS 10.1.1.

Commento Redattore

Rome: Total War per iPad è un titolo che riesce a portare su questa piattaforma diffusa e dinamica uno dei giochi per PC che è stato una delle pietre miliari degli strategici su PC.

Con la sua ottima grafica ridisegnata, battaglie mastodontiche e una componente gestionale complessa ed impegnativa, si staglia con una netta superiorità su tutte le app a genere strategico presenti su App Store.

Unico difetto è il fatto che essendo un gioco così complesso il consumo della batteria si presenta molto elevato anche su iPad Pro.

In ogni caso un ottimo gioco che saprà tenervi incollati per ore nel tentativo di conquistare il mondo o crollare dimenticati nel fiume della storia.

Il gioco è disponibile già ora su App Store al prezzo di 9,99€ (prezzo che credetemi vale tutto)

  • Ottimo porting di un gioco storico

  • Ottime prestazioni su iPad

  • Non ha rivali su App Store

  • Ottima colonna sonora

  • Longevità infinita


  • Comandi touch buoni ma non eccelsi

  • Consumo elevato della batteria

9

Segnala errore